Zullo Allo Stadio Dopo Juventus - Atletico Madrid 0 - 0

Claudio Zuliani fa il punto della situazione alla fine della partita tra Juventus - Atletico Madrid (0 - 0) che ha permesso la qualificazione della Vecchia Signora agli ottavi di finale di Champions League 2014/2015. Una partita che ha visto la Juventus prevalere nettamente dal punto di vista del possesso palla mentre le occasioni da gol sono state numericamente più o meno simili fra le due squadre.

L'Atletico è stato pericoloso con un palo di Godin che ha fatto tremare tutto lo Juventus Stadium, mentre la Juventus ci ha provato con i tiri di Pogba e Vidal e con un colpo di testa di Llorente ma alla fine le squadre si sono accontentate del pari che qualificava entrambe.

Questo è stato il primo passo di quella che si sarebbe potuta concludere come la stagione più memorabile nella storia della Juventus: dopo aver superato i gironi di Champions League infatti, la squadra bianconera ha vinto la sfida degli ottavi contro i tedeschi del Borussia Dortmund grazie ad un doppio successo: 2-1 nell'incontro d'andata disputatosi allo Juventus Stadium e un netto 3-0 in terra tedesca.

Ai quarti il sorteggio clemente ha fatto sì che la Juve affrontasse i francesi del Monaco, squadra arcigna e molto ben messa in campo che ha reso dura la vita ai campioni d'Italia, qualificatisi grazie all'1-0 casalingo nel match di andata (rigore di Vidal) e allo 0-0 maturato al termine dei 90 minuti dell'incontro disputato allo stadio Louis II di Montecarlo. In semifinale, i campioni in carica del Real Madrid che, vinta la decima, volevano ripetersi immediatamente.

All'andata, giocata ancora una volta in casa, la Juventus si è imposta per 2-1 frutto delle reti di Morata e di Tevez, con il momentaneo pareggio ad opera di Cristiano Ronaldo. Nella partita di ritorno nel rovente Santiago Bernabeu la Juventus ha retto agli assalti delle Merengues riuscendo a strappare un pareggio per 1-1 che le ha consentito di approdare alla finale di Berlino. Nel frattempo, la Juve ha vinto il suo quarto scudetto consecutivo e la Coppa Italia, giungendo all'appuntamento di Berlino con l'opportunità di ottenere il "Triplete".

Esattamente come la sua avversaria, il Barcellona, che in Spagna si era aggiudicato la Liga e la Coppa del Re. All'Olympiastadion in cui nel 2006 l'Italia divenne per la quarta volta Campione del Mondo, gli Azulgrana passarono subito in vantaggio con Rakitic (in rete al quarto minuto). La Juventus riuscì a reagire, pareggiando con Morata subito dopo l'intervallo.

Purtroppo però Suarez riportò velocemente in vantaggio il Barcellona che resistette al tentativo di rimonta bianconero e, in pieno recupero, segnò il gol del definitivo 3-1 con Neymar, proprio mentre il direttore di gara fischiava la fine dell'incontro. Champions League e triplete presero la strada per Barcellona, con la Juventus amareggiata ma al contempo fiera di essere tornata in una finale europea dopo ben 12 anni.
Autore marcolestu
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!