Quando il calcio aveva un'anima. Ezio Pascutti.

Quando il calcio aveva un'anima i compagni di squadra erano amici per sempre. Le partite si vincevano con il cuore e con la fatica. Le maglie si stringevano assieme come un unico corpo. Questi sono i tempi di Ezio Pascutti, il grande Ezio per tutti i tifosi del Bologna.

Ezio è il primo in classifica tra tutti i giocatori del Bologna. I bolognesi lo adorano. Lo amano proprio per il suo cuore, per la sua origine operaia, per la sua tenacia.

Le immagini sbiadite del dall'Ara ci portano lontano. In tempi in cui la stretta di mano aveva un valore. Ezio era a Bologna da 45 anni. Un Bolognese d'adozione. I suoi gol di testa sono rimasti nella storia. Quel colpo che ormai sui campi di calcio non si vede più. Con i tifosi bolognesi Pascutti ha sempre avuto un grande amore. La città si è sempre stretta attorno a lui sia nei momenti belli che in quelli di difficoltà. In quel gol di testa ci sono tutti i tifosi, tutti i bambini ora invecchiati, tutte le scarpe, tutti i cori tutte le sconfitte e le vittorie. Ci piace dunque pensare che questi grandi campioni possano rimanere incollati ad una maglia per sempre e possano così aumentare l'amore per dei colori. Forza Ezio. Quando saremo al dall'Ara ti sentiremo sempre un po' vicino.

Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!