[QSVS] La cronaca di Inter 2 - Juventus 1

L'Inter batte la Juventus e lo fa con una prestazione con la "P" maiuscola, dopo la figuraccia rimediata solo tre giorni prima in Europa League contro la formazione israelaina dell'Hapoel Beer Sheva.

I pronostici, chiaramente, sono tutti a sfavore della compagine milanese e i soliti giornali partono con la cantilena di un DeBoer sulla graticola, addrittura in odore di esonero in caso di risultato negativo.

Lasciamo parlare il campo:
La partita è stata una delle gare giocate meglio dall'Inter negli ultimi anni.
Una partita che ha visto un primo tempo divertente, dove le squadre hanno mostrato delle buone trame di gioco (cosa che a Milano, non si vedeva da anni) con una clamorosa occasione fallita da Khedira ed un palo scheggiato da Icardi dopo una bellissima conclusione a giro.

Il primo tempo si chiude sullo 0-0, ma la prestazione dell'Inter è molto soddisfaciante (visto che per gli espertoni avrebbe dovuto essere sepolta di reti)
Il secondo tempo si apre con un Inter molto aggressiva, con un pressing molto alto che sembra mettere alla corde la Juventus (reduce dal pareggio col Siviglia, che potrebbe aver stancato la formazione bianconera).

Ma come sempre quando sembra avere il pallino della manovra (con un Banega sontuoso), l'Inter si ritrova in svantaggio.
Alex Sandro sfugge a D'Ambrosio, mette in mezzo un pallone che finisce sui piedi di Lichtsteiner che insacca il vantaggio della Juve.
Per la quarta volta in 4 partite l'Inter si ritrova in svantaggio, ma la reazione è subito dietro l'angolo:
Banega pennella un corner sulla testa di Icardi che anticipa Mandzukic e con una precisa inzuccata trafigge Buffon, partita riequilibrata e San Siro (76000 spettatori, record della Serie A) infiammato.

Ora l'Inter ci crede e grazie ad una manovra molto ben organizzata (J.Mario e Banega sugli scudi) inizia a guadagnare metri.
DeBoer si gioca la carta Perisic (reduce da qualche problema fisico), mentre Allegri toglie un impalpabile Mandzukic (grazie anche a un Miranda monumentale) per inserire il colpo dell'estate Higuain.

La mossa di DeBoer da subito i suoi frutti, passaggio illuminante di Banega per Icardi (migliore in campo) che si allarga, che quando sembra tutto finito inventa un assist per Perisc che con un preciso colpo di testa infila Buffon per la seconda volta San Siro è una bolgia, l'Inter è in vantaggio.

La Juve ci prova con un paio di conclusioni di Higuain, ma sono tenativi vani.
Banega interrompe un contropiede volontariamente e si prende il secondo giallo che lo manda anzitempo negli spogliatoi, ora l'Inter deve resistere 10 minuti in inferiorità numerica.

La Juve spinge, ma oltre una punizione dal limite di Pjanic, non riesce a costruire tenativi che impensieriscano la difesa nerazzurra (da segnalare anche 10 minuti per il giovane Miangue).
Dopo 6 minuti di recupero (allungati a causa di uno scontro, tra Khedira e Handanovic) la partita volge al termine, esplodendo la felicità di San Siro.
Dopo 7 anni l'Inter torna a battere la Juventus.

Autore Bonny23
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!