Tributo Al Tatanka: Dario Hübner

Vi ricordate del bomber ricciolino Dario Hübner? Questo calciatore è nato a Muggia il 28 aprile 1967, le sue origini sono tedesche da parte del padre infatti suo nonno era di Francoforte per poi trasferirsi a Trieste. 

Assieme al Igor Protti è l'unico giocatore ad essere stato capocannoniere in Serie A, Serie B e Serie C, segnando più di 300 marcature in tutta la sua carriera. Come dimendicarsi delle sue cannonate che infiammando le platee e si insaccavano inesorabilmente in fondo alle reti dei poveri portieri inpotenti. 

Cesena, Brescia e Piacenza sono le piazze in cui ha più impressionato a suon di gol, chiude la sua gloriosa carriera con 663 presenze ufficiali e ben 339 goal a Cavenago d'Adda appendendo i scarpini al chiodo addirittura a 44 anni. Anche se non è mai riuscito a giocare in una cosidetta "big" ne tanto meno essere stato convocato nella nazionale italiana, Hubner è diventato una "leggenda" nel mondo calcistico nazionale ed internazionale, forse  per la sua particolare calatura nel personaggio che si era creato. Appesi gli scarpini al chiodo, prova ad intraprendere la strada tortuosa di allenare una squadra di calcio ma con scarsi risultati, se non addirittura pessimi.

A fare da sottofondo musicale a questo video tributo al "Tatanka" o "Bisonte" troviamo "Don't Stop Me Now (Remastered 2011)" dei Queen.

Autore jerrymania
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!